Shaolin Wude - YIN DAO YANG

Vai ai contenuti

Menu principale:

Shaolin Wude

Kung fu / Wushu

SHAOLIN WUDE
(ETICA E VIRTU')

Shaolin Wude 少林武德

Shaolin Wude significa 'etica e virtù marziali di Shaolin': l'insieme dei fondamentali valori morali della cultura Shaolin,
indispensabile denominatore comune di tutti gli studi filosofici e marziali.
Monaci, discepoli e allievi Shaolin dovrebbero sempre rappresentare il Shaolin Wude prima di tutto,
a prescindere da competenze culturali o abilità tecniche.
Le virtù che compongono il Shaolin Wude possono essere suddivise in quattro "virtù innate" e otto "virtù coltivate".
Le arti marziali, sia in allenamento che in un confronto, non significano combattere senza coscienza, tutto il contrario.
Le arti marziali di Shaolin devono sempre essere praticate all'interno di un insieme di valori
e questi determinano il significato della pratica e le lezioni che possono derivarne.
In ogni situazione di vita le virtù morali e i valori umani che esse rappresentano dovrebbero essere
la definizione fondamentale del carattere e comportamento di ogni persona.
Tali virtù possono e devono essere coltivate, tuttavia si ritiene che vi sia anche un elemento innato,
come un seme che deve essere lì perchè i frutti siano poi in grado di crescere.

Le virtù del Shaolin Wude sono le seguenti

"Virtù innate":

compassionevolezza
- predisposizione compassionevole e amorevole verso gli altri e se stessi
autocontrollo
- moderazione e disciplina indispensabile per evitare inutili conflitti interni ed esterni
modestia
- per sviluppare la reale fiducia in se stessi, senza le bugie dell'ego
desiderio
- di imparare, di fare, di perseverare, di percorrere il lungo viaggio di crescita personale.

"Virtù coltivate":

rispetto
- per se stessi, per gli altri, per le sfide e le lezioni contenute in esse
umiltà
- di imparare e accettare le lezioni, indipendentemente dalla natura delle stesse e dal risultato
giustizia
- essere onesti e premurosi anche e soprattutto in circostanze difficili
fiducia
- in se stessi, nel propri maestri, nelle lezioni apprese e nelle lezioni che ancora non abbiamo appreso
gratitudine
- per il tanto o poco che abbiamo e per l'opportunità di imparare, sperimentare, crescere, vivere
volontà
- la resilienza e la determinazione a rialzarsi quando, inevitabilmente, si cadrà
pazienza
- per capire veramente le lezioni nel profondo, senza fretta
coraggio
- per sfidare se stessi e per affrontare le sfide con cuore aperto spirito puro.



"L'etica marziale deve essere la prima e più importante lezione."  
Gran Maestro Shi Suxi 1924 - 2006

fonte

Torna ai contenuti | Torna al menu
Contatore siti